Full text: Lanzi, Luigi Antonio: La Real Galleria di Firenze accresciuta, e riordinata per comando di S.A.R. l'Arciduca Granduca di Toscana

che fossero tre raccolte di padroni 
diversi, ciascun de' quali vi andasse 
collocando i suoi acquisti. La scel¬ 
ta de pezzi non era più felice della 
disposizione; e presso la Venere cre- 
duta già di Cleomene, e presso quel- 
la di Tiziano, molte altre opere di 
scarpello, e di pennello assai medio¬ 
cre occupavano il luogo piuttosto 
che l'adornaſsero. In mezzo poi a 
tanto d’inutile in certi generi, v 
era in altri scarsezza e penuria gran¬ 
de; a tal che le antichità con carat- 
teri etruschi si accreditate in que- 
ſti ultimi tempi nel Mondo, non ol¬ 
trepassavano il numero di una ven¬ 
tina. Nè è da tacersi che assai bel- 
le cose si rimanevano entro scrigni 
celate agli occhi del pubblico; e se 
a taluno si dava agio di vederle 
non potea darsi comodamente il pia¬ 
cere di studiarle; ond’ era desiderio 
e voce di molti rogandum Dominum 
ut eam copiam ornamentorum suorum, 
quam constructam uno in loco quasi 
per transennam praetereuntes strictim 
adspeximus, in lucem proferat, & suo 
quidque loco collocet (Cic. 1. de Orat. 
c. 33.). 
Co¬
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer