Full text: Lanzi, Luigi Antonio: La Real Galleria di Firenze accresciuta, e riordinata per comando di S.A.R. l'Arciduca Granduca di Toscana

156 
vaso vi tien luogo di carta, il color 
nero vi circonscrive i dintorni, e le 
semplici linee nel vestito e nel nu- 
do in certo modo distinguono i lu¬ 
mi e le ombre. Un tratto solo di 
pennello dato su la creta ancor umi- 
da, e che perciò non dava luogo ad 
emenda qualora erravasi, dovea di¬ 
segnar tutt' una figura, o almeno 
tutta una testa; e nondimeno vi si 
trovano talora contorni, che non ce¬ 
dono a’ moderni migliori; prova chia¬ 
rissima della padronanza del disegno, 
ch' ebbero gli antichi. Quindi Win¬ 
ckelmann nella storia delle arti (Z. 
III. c 4.) ha conchiuso che una col¬ 
lezione di tali vasi è un tesoro di 
antichi disegni. 
Fra le sculture che ornano il li 
decimoquinto Gabinetto sono pregia¬ 
ti due busti, l’uno di un Amorino, 
l'altro di un Pan: rari un Canopo, 
iu 
e un Sacerdote Egizio di nuovo acqui- 
sto: rarissima una testa di Minerva 
di quello stil' etrusco, che parteci¬ 
pa del greco antico. 
CA¬
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer