Full text: Manni, Domenico Maria: Della vecchiezza sovraggrande del Ponte Vecchio di Firenze e de' cangiamenti di esso

DEL PONTE VECCHIO. 
ch' eglino pur dicevano Forum piscarium, separata dal 
luogo, e dal mercato, dove si vendevano gli altri ca- 
mangiari; e ciò fu per noi stabilito, e divisato con edi¬ 
ficio a parte appiè del Ponte vecchio, come sito co- 
modo, in una piccola Loggia, chiamandola del Pesce 
ove son di presente le botteghe degli Archibusieri 
e presso al pozzo pubblico; voglio dire voltando al Can¬ 
to di Marzio, sul suolo degli Amidei, il quale per di 
dietro confinava colle case della piazza di S. Stesano, 
come per la parte davanti dirimpetto agli stessi Archi¬ 
busieri. Rilevasi da una locazione, che per rogito all' 
Archivio Gener. di Ser Mazzingo di Pone si legge, ove 
il di 10. Febbraio 1337. l'Abbadessa, e il Convento di 
San Matteo d'Arcetri dà a pigione scalas lapideas pro- 
pe Plateam dicte Ecclesie S. Stephani, quibus scalis tales 
dixerunt esse confines: a tertio, & quarto de Amideis, per- 
chè l’altra faccia aveano, conforme si è detto, al Canto 
di Marzio . Il pensiero, che ebbero i Fiorentini di emu¬ 
lare anche in questo Mercato del Pesce la Città di Ro- 
ma, si trae agevolmente da una protesta nelle cartape- 
core del Monastero di S. Matteo sopraccennato dell'an- 
no 1296. ove sotto il di 12. di Novembre Corsinus quon- 
dam Gianni populi Sancti Stephani ad PoNTeM, qui est de 
casato, & domo de Amideis, pro se, & suis consortibus 
protestatus fuit coram Magistro Folco de Signa, & Ste- 
phanuccio Schelmi laborantibus, & sgombrantibus pro Com¬ 
muni Florentiae quoddam terrenum positum iuxta PONTEM 
vETereM tuxta Martium ex opposito domus, pro ibi aedifi¬ 
cando quandam Logiam pro Comm. Florentiae, dicens non 
posse fieri dictum laborerium sine adsensu dicti Corsini, & 
eius consortum, immo contra voluntatem eorum; & ad eos 
consortes pertineat ius edificandi &c. super dicto terreno ver- 
sus flumen Arni, & veronem super viam publicam : itaut 
ius super dicto terreno remaneat eis salvum, & integrum; 
ita quòd ex tali edificio nullum ipsi Corsino, & suis con- 
sortibus preiudicium gravetur. Rogò tal protestazione Ser 
Rinaldo di Filippo da S. Agata. Accomodata questa dif¬ 
ficol¬
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer