Full text: Vasari, Giorgio: Ragionamenti del Signor Cavaliere Giorgio Vasari, pittore - architetto aretino sopra le invenzioni da lui dipinte in Firenze nel palazzo di loro altezze serenissime con 10 illustriss. ed eccellentiss. Signore D. Francesco Medici allora principe di Firenze insieme con la invenzione della pittura da lui cominciata nella cupola

GIORNATA PRIMA. 
RAGIONAMENTO PRIMO, 
PRINCIPE E GIORGIO. 
He si fa oggi Giorgio? Voi non disegnate per la mu- 
raglia, e non dipignete le storie. Questo caldo vi 
debbe dar fastidio, come fa ancora a me; che non 
dormendo il giorno, mi sono partito dalle stanze di 
là per lo caldo, e sono venuto in queste vostre 
che voi avete dipinto, a vedere, se ci è più fresco 
che in quelle di là. 
Sia V. E. il ben venuto. Voi siete molto solo? 
lo son solo, perchè mandai, poco è, a vedere quel 
che facevate, senza dirvi niente; che mi fu detto, che voi passeggiavate 
sfibbiato per questa sala, e che sonavate a mattana, senza far niente 
G. Vi fu detto il vero, Signor mio; a me non basta l’animo lavorare per 
quest o caldo; e non si può fare sempre; sapendo quella, che ogni cosa ter- 
rena, quale ha moto, spesso si stanca; ed in quest opera ora non è mara- 
viglia, se facciamo adagio, perchè siamo presso alla fine, e ci andiamo in- 
trattenendo. 
P. Voi fate bene, che in vero avete fatto in breve tempo volare questo la- 
voro, e quando mi ricordo di quelle stanzaccie torte di sotto, e di sopra 
che ci erano, e che vi siete si bene accomodato di questi muri vecchi 
io mi stupisco. Ma quando volete voi attenermi la promessa di dirmi tut¬ 
te queste invenzioni di queste storie, che avete fatto in queste stanze di so- 
pra,
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer