Full text: Rastrelli, Modesto: Illustrazione istorica del Palazzo della Signoria detto inoggi il Palazzo Vecchio

L'Ammirato nella fine del Libro ventisee 
simo della seconda parte delle sue Istorie, scri- 
ve queste parole. „ 1495. Con tutte queste 
turbazioni di fuori, si fece in Firenze nuova 
Riforma circa il governo della Città, e in se 
gno di giuſtizia, e di avere oppresso il Tiranno, 
rizzossi in sulla Ringhiera della Porta del Pa- 
lagio la Giuditta di bronzo, opera egregia di 
Donatello. „ Che questa Statua sia stata sulla 
Ringhiera non troviamo altro Scrittore, che ce 
lo rammenti; ne possiamo credere, che l'Am- 
mirato intendesse per Ringhiera quella parte 
della Loggia detta de Lanzi, dove al presente 
si vede; eppure convien supporre cosl, dando 
fede agl' Istorici più antichi, i quali parlando 
della Signoria che scendeva in Ringhiera dico¬ 
no, che si poneva sempre vicino al Leone: or 
se la Giuditta vi fu posta, forse lo fu per bre 
ve tempo, dicendo il Vasari, e il Borghini es- 
ſere ſtata collocata sotto l'arco della Loggia de 
Signoti. Riportiamo le parole di questi due 
Scrittori, non tanto per provare la nostra sup- 
posizione, quanto per lodare la detta eccellen- 
te Statua, che per ogni titolo lo merita. Ed 
in primo luogo il Vasari. 
„Fece ( Donatello) per la Signoria di 
quella Città (Firenze) un getto di metallo, 
che fu locato in Piazza in un arco della Log 
gia loro; et è Giudit, che ad Oloferne taglia 
la testa; opera di grande eccellenza e magiste¬ 
rio, la quale a chi considera la semplicità del 
di fuori nell'abito, e nello aspetto di Giudit, 
ma-
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer