Full text: Del Migliore, Ferdinando L.: Firenze, città nobilissima

Santa Maria del Fiore 
pium Beati loannis, e le sottoscrizioni de Vescoui, Episcopi Sancti lo an¬ 
nis, parole, che totalmente non prouano, il punto di questa verità, 
perche laſciato il titolo propio, e particolare della Chiesa Cattedrale, 
il dirsi Vescoui di S. Giouanni, poteua essere in ordine, alla protezio¬ 
ne generale, che aueua San Giouanbatista di Firenze, come di tutto lo 
Stato, e Dominio, e non che fosse veramente il propio di essa Cattedra- 
le, in quella guisa, che alcuni di loro, vſarano alcuna volta, sottoscri¬ 
uersi cosi alla generale, Sanctae Florentinae Ecclesiae Episcopus, o vero San¬ 
cti Ioannis seruus, & indignus Episcopus, come disse il Vescouo Ildebran¬ 
do; ma il trouarsi in quelle medesime scritture, come quel Vesco uo Si¬ 
chel no nell'iſtrumento per cui ſi ratificò la donazione già fatta a' Cano¬ 
nici da Raimbaldo suo antecessore per carta del 967., con dire offerre¬ 
atque tradere prouidi in comuni de Ecclesia vestra S. Ioannis Baptistae, par 
che, ſe quella era la Collegiata, a cui deue esser sempre corrispondente 
la Cattedrale, non resti dificulta, che quella poss essere la lor Sede. 
Gl'Imperatori Ottone II., e Ottone Terzo, ne lor Priuilegj amplifica- 
ti, a fauor e de medeſimi Canonici, non vi ſi leggono, con altro tito¬ 
lo, che di S. Giouanni, ſotto la di cui denominazione, e voce, ſegue 
parimente nelle Bolle, di Leone IX., e d'Alessandro II. Con qual fon- 
damento di ragione adunque, s' è arriſchiato alcuno, a portare per 
primo Duomo di Firenze, vn S. Saluadore, noi insième con Monsig. 
Vincenzio Borghini, molto pratico ancor'egli, in sù quelle Scritture 
vecchie del Capitolo, ammirati come non vi ſe n'essendo mai trouata 
alcuna, che la nomini tale, confessiamo per grande l'ignoranza d'alcu- 
ni, che poſpoſto l'onorato ſtimolo d'operare, in simil materia accura¬ 
tamente si sien creduti restare applauditi in cosa, che gli auerebbe per¬ 
vn'eternita, scoperti per ignoranti. Se dunque non era Duomo S. Sal- 
uadore, ne meno ſarà ſtata S. Reparata, perche questa edificata nel 
407. come più chiaramente si dirà appresso, portò titolo in que' primi 
tempi di Pieue, e non di Cattedrale. Erasi l'Italia mantenuta in pace, 
sotto l'Imperio Greco fin ne tempi di Teodosio, quelli, il qual per la 
grandezza , delle coſe ſtraordinariamente operate, a fauore della Cri- 
ſtiana Religione, fu cognominato il Cattolico, quando per la diuisa 
dell'Imperio, che ſegui ne' due suoi figliuoli Arcadio, e Onorio inde- 
boliteſene le forze, animato Radagaſio Rè de' Goti, di potère inuader 
l'Italia, paſſatoui con dugento mila de suoi, coſtrinse Onorio, a difen- 
dersene sotto la condotta di Stilicone, vno de' tre Capitani Generali, 
laſciati da Teodoſio per difeſa dell Imperio; col qual venuto a batta¬ 
glia, nel pian di Firenze, e riportatasene con la morte di quel Rè bar- 
baro, la tanto ſegnalata Vittoria, che ragionandone Paol diacono, di¬ 
ce, vi reſtaſsero morti centomila Goti; essendo paruto però, che nes¬ 
sun Popolo, auesse sentito l' effetto felice di quella battaglia, quanto i 
Eioren,
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer