Full text: Volume (2,2)

raggiri e la mancanza di parola usata a 
lui stesso (22). Non dovè neppur piacere 
ai sudditi l'impresa medesima, mentre- 
chè per le spese di questa guerra si ac- 
crrebber le gabelle di un terzo più. 
Checchè siasi di ciò, egli è nonostan- 
te vero che la saggia sua condotta com- 
parve subito nel prim’ anno del suo Go- 
verno, allora quando la Toscana fu inva- 
sa da mortifera pestilenza, per resistere 
alla quale tanti e si giudiziosi regolamen- 
ti ordinò (23). L’estimazione sua in mez- 
zo agli altri Principi d’Italia e d’Europa 
tutta, era delle più vantaggiose; l'ama- 
van tutti e lo rispettavano. La sua pru- 
denza, la sua moderazione, ed i soc- 
corsi a tempo dati contro i nemici della 
Cattolica Religione, gli guadagnarono il 
cuor di tutti. Nè sarebbesi forse cosi pre- 
ſto accomodato la pace tral Papa Alessan- 
dro VIII. ed il Re di Francia Luigi XIII, 
senza la mediazione di questo Principe. 
L'autorità sua che vi s’interpose, portò 
subito le parti a stipularc un Concordato 
nella Città di Pisa, dove pur se ne legge 
una memoria pubblica scolpita in marmo. 
In tutto il rimanente egli fu puntua- 
le imitatore degli altri Granduchi prede- 
ces¬ 
(22) Son da vedersi quanto alla Storia di questa guerra, 
il MERCURIO DEL SIRI, e gli ANNALI del MURA¬ 
TORI. 
(23) Vedasi la Relazione di questo Contagio scritta dal 
RONDINELLI.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer