Full text: Pacifico, Pietro A.: Cronaca veneta sacra e profana osia compendio di tutte le cose più illustri ed antiche della città di Venezia

Delle Vite 
Domenico Contarini Doge XXX. 
nell' Anno 1043. 
Domenico Contarini, il quale con son 
contento d’ognuno successe nel Princi 
eletto dal Popolo per esser egli non sol 
sangue illustre, ma saggio, amorevole 
valoroso. Acquietò in primo luogo la 
mazia ch' era tutta travagliata per la ri 
lione di Zara occupata da Salomone R 
Ungheria, la quale personalmente rip 
a forza d’armi. Ritolse Grado a Pepo 
triarca d’Aquileja, e lo rifece, avendol 
medesimo mezzo guasto, e perchè era s 
decretato da Benedetto Papa che la Città 
Grado fosse della Repubblica, ma che la 
de Patriarcale fosse nella terra di Grado 
preso Pepo, e fatto morire infra due mi 
Venuto poi in Italia Enrico Imperatore 
mandò Ambasciatori, da cui furono con 
mati gli antichi privilegj alla Repubbl 
Del 1049 regnando pur questo Doge, ve 
a Venezia Leone IX. per visitar il corpo 
San Marco, e furongli fatte solenni fe 
Finalmente fatta fabbricare la Chiesa, 
Monistero di San Niccolò sul Lido a' Moi 
di San Benedetto, passò a miglior vita 
rendo l’anno ventisettesimo, e 'l nono 
del suo Principato, e su sepolto nella C 
sa suddetta da Lui edificata. 
Domenico Selvo Doge XXXI. nell' anno 107 
Egli su di nobilissima ed antichissima 
pe, e si creò Doge nella Chiesa di S. 
colò del Lido con allegrezza universa 
Cu
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer