Full text: Pacifico, Pietro A.: Cronaca veneta sacra e profana osia compendio di tutte le cose più illustri ed antiche della città di Venezia

Delle Vite 
98 
Clemente VIII. mandò la Rosa d’Oro. 
suo tempo per molti inconvenienti nel 
Dalmazia, e per i danni che vi facevano 
Turchi, e gli Uscocchi, vi si mandò Ber 
detto Moro Procurator di San Marco con 
tolo di Generale, il quale cosi bene usò 
la sua autorità, e ’l suo senno, che in 
che ore quietò il tutto, e rese ogni cosa 
pace, di cui godendo il Principe per be 
dieci anni, poscia venne a morte, e fu 
polto nella Chiesa di San Giuseppe. 
Leonardo Donato Doge XC. nell'Anno 1606 
Essendo Generale in terra ferma per i m 
tivi di Guerra, e per l'Esercito che 'l Re 
Spagna adunava in Milano non senza grav 
sospetto de'Padri, che perciò attendevano 
presidiar e di soldati, e di monizioni Berg 
mo, Crema, e Brescia, Questi venne elet 
Principe in Venezia. La cosa maggiore c 
al suo tempo avvenisse fu la differanza col 
Santa Sede, imperciocchè quel Papa d’allo 
pretendeva di por mano negli antichi Istiti 
ti, Leggi, e Privilegi di questa Repubblic. 
volendo ch’alcune i Padri ne cancellassero 
e ch'altre le moderassero a genio di Lui, 
che non potendo condescender il Senato, 
Santo Padre mal impressionato, prese risol 
zione di adoperar contra la medesima e tu 
to ’l suo Stato l'arma spirituale dell'Interde 
to, il quale su giudicato di nessun valore 
tutt' il Mondo, perche si venne a un tale c 
stigo senza esservi quella grave colpa ch'el 
necessariamente presuppone: uscirono per 
dello Stato per 1 loro particolari motivi 
Padri Cappuccini, quei di Rua, i Teatini 
ed
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer