Full text: Quartiere di S. Giovanni (7)

136 
duca disotterrarono la Colonna con llaudevole concetto 
di riunire i due pezzi, e sopra nuova base rimurata 
nella medeſima Piazza, alzarla per collocarvi una Statua 
di S. Antonino, nè io mi sono avvenuto a trovar la 
cagio ne, per la quale il disegno restò abbandonato: il 
dado fu nuovamente disfatto nel 1739. e la Colonna 
dopo avere quivi giacente, fatto di sua disgrazia lagri- 
mevole ſpettacolo, nel 1757. è ſtata nuovamente se- 
polta. 
II. Entrando ora in Chiesa lunga braccia 56. e 
larga 30. in primo luogo ravviseremo il disegno di Gio: 
Bologna, il quale nel 1580. avendo levato via molte, 
figure antiche dipinte a fresco alle pareti da Pietro Ca- 
vallini, le quali facevano piuttosto confusione, che le 
dessero decoro, la ridusse a quel bell' ordine di 6. Cap- 
pelle per lato, avendo ciascuna due Colonne di pietra 
ſerena composite con architravi, fregi, cornici, e fron¬ 
teſpizj parte angolari divisi, e parte a porzion di cir- 
colo con le armi de' Padroni scolpite ne' fregi. E nel 
1630. altra magnifica innovazione doveva vedersi, se i 
Padri accettavano la generosa offerta del Senatore Maz- 
zeo Mazzei, il cui pensiero era d' impiegare il dena- 
ro, che poſcia egli ſpeſe nella Cappella di S. Miche¬ 
le agli Antinori, in rinnovare la Tribuna, col disegno 
a sua istanza fatto da Alfonso Parigi: Ma due rispetti 
trattennero i Religiosi dall' acconsentire a' liberali invi- 
ti del Senatore predetto, cioè la riverenza de i. mede- 
simi alla memoria de' Medici, che ne erano stati i Fon- 
datori; se la gelosia di non perdere il Coro antico, 
a essi carissimo. Questi motivi però cessati essendo nel 
1678. si per la permissione, e gradimento del Gran- 
duca, si per la mormorazione de' Professori dell' Arte, 
che malvolentieri soffrivano quell' ingombro del Coro 
vecchio, da' medeſimi Padri si principiò la nuova Tri- 
buna colla direzione di Pier Francesco Silvani Archi- 
tetto, che levò il muro del tramezzo, e in eminenza 
tirando innanzi l'Altar Maggiore, comodamente adat- 
tò pel Coro lo ſpazio, che molto restava dietro, ed 
in¬
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer