Full text: Quartiere di S. Giovanni (6)

E 
L 
E 
VII. 
DELL' OPERA DI SANTA 
MARIA 
DEL FIORE. 
U riflessione di Scipione Ammirato il 
riconoscere una gran prudenza de' Fio- 
rentini, e per conseguenza degna di 
esser tenuta a mente da coloro, i qua- 
li a quel, che fanno in materia di fab- 
briche, desiderano perpetuità, e que- 
da era, che facendo eisi un qualche 
nobile importante edifizio, o sacro, o profano, che 
esso foſse, subito eleggevano un Magistrato con Prov- 
veditore, ad effetto che per mezzo di un’ attenta am- 
ministrazione dell' entrate, sicuramente andasse innanzi 
ſenza più affaticare l'Etario pubblico, nè la borsa de' 
privati Cittadini: consiglio, che riscontrasi utile più 
che in altro, nella Fabbrica di Santa Maria del Fio- 
re, che sin dal 1296. principiò ad : ver al suo gover- 
no l'Opera, ciò apparendo da' libri della medesima, 
come diremo altrove. E l' Arte della Lana, alla qua- 
le dal Comune di Firenze nel 1331. come si disse, era 
stata raccomandata la Cattedrale, affaccendata ne’ pro- 
pri traffichi, non comportando quella grande assistenza 
agl' intereſsi della Chiesa, come il bisogno richiedeva, 
dependentemente dalla Repubblica creò un Magistrato, 
che soprantendesse non solo al proseguimento delle Fab- 
briche, ma ancora alla conservazione per l’avvenire 
del magnifico Edifizio, e tali Ufiziali, che erano al- 
cuni Cittadini estratti dalla borsa de' Consoli di detta 
Arte, aventi una pienissima autorità sopra gl' interessi 
della Chieſa, si chiamarono gli Operai di Santa Maria 
del Fiore; o sivvero i Deputati della Fabbrica di San- 
ta
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer