Full text: Quartiere di S. Giovanni (5)

EZIONE XI. 
DELLA CHIESA DI SAN GIOVANNINO 
DE FADRI CESUITI IV. 
On poche sono le Chiese di Firenze, 
le quali coll' andare de i secoli non 
sieno state rinnovate, ed abbellite, o 
si voglia di Pitture, o di Statue, o 
di vaghissimi disegni con notabile van- 
taggio delle medesime, lo che io non 
ſaprei ſe poſſa dirsi de' nuovi accresci- 
menti fatti alla Chiesa di San Giovannino circa la me- 
tà del secolo passato. Conciossiachè desideravasi da mol- 
ti, che in essa vi fosse maggior luce, e vi si desse più 
bella figura, oltre da sollecitudine ben ragionevole, che 
si terminasse la facciata, che fu lasciata dall' Amman- 
nato non finita; e perchè il concetto di alzarla si pre- 
vedeva ſvantaggioſo al contiguo antico Palazzo de' Me- 
dici, il primo pensiero de' Padri fu il procurarne dal 
Granduca la licenza: nè cosi facile ad ottenersi era il 
consenso: del Principe, se non addiveniva un opportu- 
no accidente, qual su la venuta a Firenze di Madama 
Marghérita de Medioi Duchessa di Parma, che degnossi 
insieme col Principe Leopoldo di esporre a Ferdinan- 
do le noſtre suppliche, e disporre la volontà di esso 
in maniera, che volle prima sentire il parere di Alfon- 
so Parigi suo primo Architetto, ed il consiglio de' due 
Senatotij Matteo Niccolini, e Filippo Arrighetti Sopran- 
tondenti delle Fabbriche dello Stato, e trovati, tutti 
favorevoli al concetto de Padri, nel di primo di Mag- 
gio del 1655. concedè loro la facoltà di potere alza- 
re la Chiesa braccia sei. Una tal grazia empi d’ al- 
legrezza il Collegio, di cui era Rettore il P. Luigi 
An¬
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer