Full text: Quartiere di S. M.a Novella (3)

46 
perti gli armadj ſi ammirino, ed insiememente si adorino 
da noi i celestiali tesori, dando la prima riverente oc¬ 
chiata alle Reliquie preziosissime di Gesù Cristo, le qua¬ 
li sono particelle della Croce, altra del titolo, altra 
della porpora, e sette spine, le quali insieme colla por- 
pora sono in un Reliquiario avente forma di Croce, 
ricco di rubini con piedistallo di ottone dorato, sopra 
cui posano due puttini d' argento, fatti lavorare da Fra 
Vincenzie Antifassi Prior del Convento, il cui nome 
è inciso nel piede. E mi piace qui notare, che quasi 
turte le belle cuſtodie, urne, e busti, sono lavori de' Lai 
ci di S. Maria Novella, ove sempre vi sono stati valentuo¬ 
mini in qualcuna delle tre belle arti. Di chi sieno do¬ 
no le spine non l' ho di certo: nelle Croniche però 
del Convento leggesi, che una gran quantità di Reli- 
quie fossero donate da Fra Lorenzo Cardoni Vescovo di 
Sagona in Corsica, il quale nella lunga dimora sua in 
Roma ebbe tutto il comodo, ed anche mezzi autorevo- 
li per radunare di cosi adorabili tesori: Del suddetto 
Veſcovo però non può esser ſtato dono il sopranno- 
minato pezzo prezioſo del titolo della Santa Croce, 
avvegnachè questa si rara Reliquia, non fu scoperta 
in Roma ſe non ſe nell' anno 1492. e il Vescovo Lo- 
renzo era già morto nell' anno 1438. Evvi parimente da 
osservarsi una pesante, e ricca Croce di bronzo dorato 
dall' una, e dall' altra faccia adorna di bassi rilievi 
di smalti, e di statuine di argento d' un ammirabile, 
e finissimo lavoro: in essa dopo minute, e replicate os¬ 
ſervazioni per rintracciarne o millesimo, o arme,o 
nomi, non mi sono avvenuto a trovare altro indizio se 
non se un cartellino di smalto quasi invisibile, ove dalle 
lettere scolpite S. P. Q. F. venni in cognizione essere 
un dono del Senato, e Popolo Fiorentino fatto proba- 
bilmente nel soggiorno de' Pontefici, a motivo di ren¬ 
dere più magnifiche le sacre funzioni. 
V. E seguitando il novero delle Reliquie, osserveremo 
un piedino con istinco di uno de' SS. Innocenti, del 
quale il Giamboni nel suo Indice scrisse, che fosse tut¬ 
to
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer