Full text: Dalla Porta a Pinti fino a Settignano (6)

121 
porvi l'ultima mano, giacche il di 27. Mag. 
gio, e non già il settimo d'Agosto, qual- 
mente sembra a Niccolò Angelo Caferri del 
1540. nell'età di anni 58. da invidiosa mor- 
te fu rapito, pure la sua Istoria ci rende 
una chiara testimonianza della rarità del 
suo talento, e quanto ben gli si convenga 
l'elogio, che di lui fece il dottissimo An- 
ton Maria Salvini nell'iscrizione, che qua- 
si due secoli dopo la sua morte fu apposta 
in S. Felicita al suo Deposito. 
Altra memoria non meno interessante ci 
somministra questa medesima villa, ed è, che 
ivi si accampò l’esercito Cesareo, e si acquar- 
tierò il Principe Filiberto d’Oranges (1) nel 
celebre assedio di Firenze, e quindi final- 
men- 
(1) Il Giovio nel Lib. 6. degli Elogj narrando la 
Battaglia, che questo Principe ebbe coll’ eser- 
cito Fiorentino guidato da Francesco Ferruccio 
l'anno 1530. qual combattimento segui a Gavina- 
na sul Pistojese, ed in esso rimase estinto l’Oran- 
ges, cosi favella: Ipse (Il sud. Principe) cum 
delecta parte exercitus contra hostes contendit, 
hisque occurrit in Pistoriensium montibus apud odi¬ 
dum (cioè dal Campo Tizzoro), in quo Ro¬ 
manos Petrejo Duce Catilinam fudisse, atque in¬ 
terfecisse incolae memorant. Dice poi il Guic- 
ciardini all’anno 1529. „ che l’Esercito di que¬ 
sto Principe, a cui comandava, era composto 
di 300. Uomini d’ arme, di 500. Cavalli leg 
gieri, di 250. Tedeschi di bellissima gente, di 
2000. Fanti Spagnuoli, e di 3000. Italiani. ,
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer