Full text: Gallaccini, Teofilo: Trattato sopra gli errori degli architetti

DEGLI ERRORI DEGLI ARCHITETTI metter di lavorare con poca ſpeſa, e di contentarſi di minor pagamento di
quello, che ſi richieda dagli altri. E ſe peravventura non ſaranno molto prati-
chi nelle fabbriche importanti, e ſtraordinarie, non è coſa ſicura il ſervirſene,
poichè ſi dee temere, che non ſieno per imparare a ſpeſe di chi ſe ne fida; che la poca pratica, che hanno nell’ Arte loro, non eſſendo avvezzi ad altro, che a
riſarcir mura vecchie, e a fabbricar ſemplici caſe di perſone private, e povere,
non baſta per uſarſi nelle fabbriche nobili, pubbliche, e di molta importanza: concioſſiachè queſti tali non ſanno quanto è neceſſario, per condurre alla ſua con-
veniente perfezione qualunque fabbrica di grandiſſimo conto. Quelli poi, che non
intendono i diſegni, nè i modelli di qualſivoglia maniera d’edificio, eſſendo
d’ingegno groſſiſſimo, e più atti a portare la calcina e i mattoni, che ad ado-
prare la murajola, il martello, e l’archipenzolo, debbono totalmente eſſere
eſcluſi da ogni fabbrica, eſſendo privi di quella cognizione, che, bene in-
teſa, apre la ſtrada, ed agevola il modo di porre in effetto ogni opera, benchè
difficile. Ma eſſendone in tutto ignoranti, o non ſon riſoluti, e ſicuri nell’ope-
rare, e operando s’allontanano dallo ſcopo dell’ Architetto, o contraffanno al-
la volontà de’padroni, o confondono l’ordine delle parti della fabbrica, e la fan-
no moſtruoſa, o finalmente volendo moſtrare d’aver inteſo il modello alla guiſa
de mal ſaputi, e de’ſuperbi, oſtinatamente pretendono d’aver bene operato, e di
non aver biſogno de’diſegni, nè degli avvertimenti degli Architetti. Coſa la più dan-
noſa alle fabbriche, e la più nemica delle buone ragioni d’ Architettura e dell’ Arte
ſteſſa del murare. Come, perchè per eſſa s’ eſce del dritto, e del giuſto, ſecon-
do il quale ſi regola ogni Arte meccanica, e miniſtrativa; così perchè non fe-
guendoſi i diſegni degli Architetti, formati ſecondo la buona ragion d’ Architet-
tura, e le ſue regole, in quanto ſi richiede al ſito, alla comodità, e al biſogno
dell’ edificio, non obbediſcono alla dritta regola dell’ Architettura, la quale è la
Tramontana del bene operare. Onde la fabbrica diviene inutile, e la ſpeſa in tut-
to vana; e per neceſſità convien dare a terra tutto il lavoro fatto per rifarlo di
nuovo, e ſervirſi d’ altri artefici: oppure forz’ è laſciar l’ opera così mal condot-
ta in abbandono; almeno cercar d’ emendarla, lo che è molto difficile: o fi-
nalmente ridurſi ad uſarla con grandiſſimo diſpiacere, per moſtrare in parte di
non aver gittato i danari. Finalmente i muratori d’ oſtinata opinione di loro ſtef-
ſi, i quali ſtimano di ſapere abbaſtanza, e di non aver biſogno d’ Architetti, che
ſtieno lor ſopra, e che affermano d’ eſſer più atti ad inſegnar loro, che a ſe-
guitare i diſcorſi, le regole, e i diſegni loro: ed eſſendo così pertinaci nella loro
pretenſione, non ſon docili, nè obbedienti, ma ſempre contraſtano al parer lo-
ro, e fanno ſempre profeſſione di ſeguir tutto il contrario di ciò, che da quelli
con buona ragione, e con ottime regole è ſtato lor dimoſtrato, e di far tutto
quello, che lor detta il proprio capriccio, il quale non ha altro fondamento,
che una certa pratica ſregolata, ſenza rettitudine alcuna. Laonde i fabbricatori,
e gli Architetti, eſſendo diſuniti, non ſi può far opera, che non abbia molti di-
fetti. E tutti queſti ſono i diſordini, e gl’ inconvenienti, e gli errori, che ven-
gono dagli Architetti, i quali hanno fatto mala elezione dei fabbricatori.

21. CAPO VI.
Degli errori della mala elezione del tempo.

AVendo a ragionare degli errori appartenenti all’ elezione del tempo, che ſi
fa dagli Architetti per fabbricare qualſivoglia ſpecie d’ edifizio, è neceſſa-
rio primieramente vedere ciò, che ſia queſto tempo. E perchè non ſi può co-
noſcer queſto tempo, di cui s’intende trattare in queſto Capitolo, ſenza proce-
der con diſtinzione; pertanto prima lo divideremo, e poi dimoſtreremo, quale
ſia il tempo inteſo in queſto luogo. Diciamo dunque, il tempo eſſere di due
ragioni, l’una il tempo comune, e l’altra il tempo proprio, e particolare. Il
tempo proprio, cioè, adattato, ſi è quello ſpazio breve, o lungo, il quale è la
miſura di tutto il corſo, o di qualunque parte di qualſivoglia operazione. E

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer