Full text: Cavalieri, Bonaventura: Lo specchio ustorio overo trattato delle settioni coniche, et alcuni loro mirabili effetti intorno al lume, caldo, freddo, suono, e moto ancora

Delle Settioni perficie deſcritta dalla detta linea, ſi chiame-
rà ſuperficie conica, e Cono ſi dirà il ſolido
rinchiuſo dalla detta ſuperficie, e dal circolo
propoſto, qual vien chiamato baſe del Cono,
e cima il ponto ſoprapreſo; aſſe poi vien det-
ta la retta linea, che congiunge eſſa cima con
il centro del circolo, che è di lui baſe, quale,
quando ſtà perpendicolarmente ſopra la baſe,
fà, che il Cono ſi chiami equicrure, e quando
ſia inchinato ſopra di quella, fà, che ſi dica Co-
no ſcaleno; di quelli s’intende la definitione
d’Euclide, e di queſti quella d’Apollonio, dẽ-
tro la quale vengono parimẽte rinchiuſi i Co-
ni d’Euclide, per eſſer queſta più vniuerſale,
e però baſterà, che noi ci appigliamo à que-
ſta, per farci capaci d’ambedue le ſorti de’Co-
ni in vn ſol colpo, il che più chiaramente s’in-
tenderà dalle quì poſte figure.

13. Eſſempio ſopra la prima Figura.

S Ia il triangolo, A B E, che hà l’angolo, A E B,
retto, e riuolgaſi eſſo triangolo, A B E, intor-
no all’, A E, fiſſa, ſin che ritorni di onde ſi par-
tì; la, B E, adunque deſcriuerà il circolo, B G, il

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer