Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

385-01
5
10

A qual riuo ſi voglia per cui l’acqua ſi conduca, o poca per bere, o aſſai per
che ſerua a nauicarui, ci ſeruiremo di quelle diritture che noi habbiamo rac-
conte inſino a qui. Ma no farà il medeſsimo lauoro il fare i canali per hauer
gran copia d’acqua, & quello per hauerne poca. Noi in queſto luogo diremo
prima quelle coſe come habbian cominciato, che biſognano per la acqua da-
bere. Et poi paſſeremo a trattare dell’acque da nauigare. Illauoro di coſi
fatto riuo, o e’ſarà murato, o pure ſarà ſolamente vna ſoſſa. La foſſa ſi farà di
due ſorti, o ella ſi farà in piano per la campagna, o veramente paſſerà per en-
tro vn Monte, il che chiamo mina, o canali ſotto terra. In tutta duoi que-
ſti, doue tu trouerrai, o ſaſsi, o tufi, o terreno piu ſerrato, o coſa alcuna ſimile,
che ſia tale, che reggendoſi da ſe ſteſſo non impediſca il corſo dell’acqua, non
harai biſogno di murarui. Ma doue il Terreno, o i ſianchi della ſoſſa non ſa-
ranno ſodi, a l’hora biſogna murarli, ſe la medeſima ſoſſa ſi hà a cauare per le-
viſcere dentro del terreno. Ella ſi cauerà in quel’modo che di ſopra ti diſsi.

141.1.

20
25
30

Nel fare i condotti ſotto terra a ogni cento piedi faccinuiſi pori, & sfogatoi
ſopra, ſecondo cheil biſogno del terreno richiede, & faccinſi murati. Io hò
viſti pozzi appreſſo de Marſi la doue cade l’acqua nel Lago di pie di luco,
murati eccellentiſsimamente di mattoni cotti alti ſuor dell’oppenione de gli
huomini. Nella città di Roma per inſinoa 441. anno da che ella fù fatta non
vi fù condotto neſſuno di acqua che fuſsi murato, di poi venne la coſa a quel-
lo, che e’ vi conduſſono i fiumi per aria. Et dicono che per Roma erano tan-
ti condotti di acqua murati in vn tempo, che per eſsi tutte le caſe di Roma
abbondauano di acqua. Ma da prima cominciarono a murare i condotti ſot-
to terra, il che haueua piu commodita: Percioche il lauoro coſi naſcoſo era
manco ſottopoſto alle Ingiurie, & perche e’ non erano eſpoſti a diacci, nè a
caldi rouenti del Sol Leone, ne conduceuano le acque migliori, & piu fredde,
ne poteuano eſſere interrotte o guaſte, o volte altroue dalli Inimici, mentre
ſcorreuano il paeſe. Di poi venne la coſa in tanta grandezza che per hauer
l’acque che ſaliſsino in alto per le fontane de gli horti, & per le ſtufe comin-

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer