Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

DELLA ARCHITETTVRA con alzarlo ſerra l'uſcita, l'altro con il mandarlo fuori, & con tirarlo dentro, ce
ne ſeruiamo: Doue tirono i Venti crudeli, ci ſeruiamo di queſto ultimo piu ac-
commodatamente. Quelle Torri, che potranno tirare inuerſo queſto Torrio
ne, dz quella parte, che eſſe lo ſguardano, biſogna che ſieno aperte, o murate di
ſottiliſsimo muro.

63.1.

25
30
35
40
5
10
15
20
25
30
35
40
5

64. Deluoghi de la Fortezza, doue i Soldati hanno a far le guardie, & doue egli hanno a ſtare
a combaitere. De Tetti di detta Fortezza, & come ſi debbino afforzificare, & de le
altre coſe neceſſarie a la Fortezza, e di uno Re, o d'uno principe nuouo. Cap. V.

10

I Luoghi doue i Soldati hanno a ſtare a far le guardie, & a difendere la mura
glia, ſi debbono diſtribuire di maniera, che alcuni habbino a guardare le
parti da baſſo de la fortezza, & alcuni quelle da alto; & altri ſieno deſtinati a
uarie cure, & officij. La entrata finalmente, & l'uſcita, & ogni appartamento
debbe eſſer coſi ordinato, & afforzificato, che non poſſa eſſere offeſo, nè da la
perfidia de gli amici, nè da gli inganni, o fraude de gli Inimici. A Tetti de la
fortezza, accioche non ſieno rouinati da i Peſi de le Macchine, ſi debbe dar fine
con uno angolo acuto, o con un gagliardo lauoro, & ſi fermeranno con ſpeſsiſsi
me traui; dipoi mettauiſi la coperta, & in quella le doccie ſenza calcina, o terra al
cuna, per lequali ſe ne uadia l'acqua raccoltaui. Dipoi ſi cuoprino dipezzami
di terra cotta, o piu toſto di Pomici alzandouele un braccio, & mezo; & coſi non
haranno paura nè de Peſi, che gli cadranno ſopra, nè de fuochi. In ſomma una
Fortezza ſi debbe far non altrimenti, che ſe tu haueſsi a fare una piccola Città: Affortifichiſi adunque con uguale lauoro, & arte che una Città, & ui ſi accõmo-
deranno l'altre coſe che faccino a biſogno. Nõ ui manchi l'acqua. Siẽui luoghi
a baſtãza da poterui tenere, & mantenere i Soldati, le Armi, i Grani, le carni ſala
te, & l'aceto, & inanzi ad ogni altra coſa le legne. Et in detta Fortezza quello
Torrione che noi chiamãmo principale, ſarà quaſi come una fortezza minore,
nel quale non deue mancar coſa alcuna di quelle che ſi deſiderano in una fortez
za. Debbe hauere la Citerna, & i ripoſtigli di tutte le coſe, mediãte lequali egli
ſi poſſa abbondantemente nutrire, & difendere. Debbe ancora hauere uſcite
onde e' ſi poſſa aſſaltare ancora i ſuoi medeſimi a lor mal grado, & d'onde ſi poſ-
ſa metter dentro ſoccorſi. Non uò laſciare indietro queſto, che alcuna uolta le
Fortezze ſi ſono difeſe mediante le foſſe coperte da acqua: & che alcuna uolta
le Città ſi ſono preſe per le fogne. L'una, & l'altra di queſte coſe giouano a man
dar fuori auuiſi. Ma e' biſogna hauere cura che ſimili còſe poſsino nuocerti po
co, & giouare aſſai. Faccinſi dunque cõmodiſsime, uadino torte, sbocchino in
luoghi profondiſsimi, di maniera che uno armato non ui cappia, & che uno di-
ſarmato non poſſa ſe non chiamato & intromeſſo dentro, entrare ne la fortezza. Termin erãno commodamente ne le fogne, o piu preſto in un luogo arenoſo ab
bandonato, & non conoſciuto, o ne le ſecrete Tombe, o ſepolture de Tempij. Oltra di queſto non ſi douendo mai far beffe de li accidenti, & de caſi huma-
ni, certamente che ti giouerà grandemente hauere una entrata ne la piu inti-
ma parte de la fortezza, che tu ſolo la ſappia, dala quale quando mai acca-

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer