Volltext: Alberti, Leon Battista: L' architettura

DELLA ARCHITETTVRA tro a le percoſſe de le Macchine da guerra: Et certo, per tradimenti, & per tirare
le freccie, le giouano non poco a gli nimici, hauendo eſsi maſsimo commodità
di poter ſcorrere la campagna, & di ritirarſi. Niente dimeno le ſono alcuna
uolta digrandiſsimo aiuto, ne le Città di montagna, eſſendo poſte a riſcontro de
le ſtrade. A Perugia celebratiſsima Città, per hauere ella i Borghi ſparſi ſu ꝑ
i Colli, non altrimenti che le dita de le Mani, che ſi ſporgono in fuori, ſe inimici
uorranno dar l'aſalto a la Cantonata, poi che ui ſaranno andati cõ molta gente,
non haranno donde aſſaltarla, & quaſi meſsiſi ſotto una fortezza, non ſaranno
baſtanti a ſoſtenere l'impeto de le coſe, che gli ſarãno tratte, & la carica che uer-
rà loro adoſſo. Et però non ſi deue tenere il medeſimo modo di cerchiare le
Terre di Mura, in tutti i luoghi. Oltra queſto dicono gli Antichi, che le Città,
& le Naui, non douerriano per alcun modo eſlere tanto grãdi, che uote barcol-
laſsino, o piene, non baſtaſsino. Ma altri hanno uoluto la loro Città piena, & pinza, penſando per queſto, che ella fuſſe piu ſicura. Altri promettendoſi una
ottima ſperanza, ne le coſe che haueſsino a uenire, ſi dilettarono di hauerui grã
diſsimi ſpatij. Altri forſe proueddono con conſiglio, a la fama, & al nome de
Poſteri. Imperoche la Città certo del Sole, edificata da Buſiride, la quale chia-
mano Tebe, ſecõdo che io truouo ne le Storie de gli Antichi, girò uenti miglia. Menfi diciotto miglia, & ſei ottaui. Babillonia quarãtatre miglia, & ſei ottaui. Niniue miglia ſeſſanta. Et furono alcuni, che rinchiuſono tanto di Terreno,
che dentro al circuito de la Città ricoglieuano da uiuere p tutto l'anno. Quinci
loderei io quello antico prouerbio che dice, in tutte le coſe ſi debbe ſeruare
ordine, & regola, & ſe e' mi piaceſſe di gettarmi da una de le parti, mi getterei
piu preſto a queſta, che poteſsi commodamente riceuere la accreſciuta mol-
titudine de Cittadini, che a quella che non può riceuere i ſuoi commodiſsi-
mamente. Aggiugni che la Città non debbe eſſer fatta ſolamente per lo uſo
& per la neceſsità de Tetti, ma debbe eſſer fatta di maniera, che oltre a le cu-
re ciuili, ui rimanghino grandiſsimi luoghi, & ſpatij per piazze, per correrui
con le carrette, per Orti, & per ſpaſſeggiare, & per notare, & per ſimili or-
namenti, & dilicatezze. Raccontano gli antichi, Varrone, Plutarco, & altri,
che i paſſati loro erano ſoliti di diſegnare le mura de le Città con religione,
& ordini ſacri. Percioche, hauendo prima preſi lungamente gli Augurij, meſ-
ſi ad uno giogo uno Bue, & una Vacca, tirauano uno aratolo di Bronzo, & ſi fa-
ceua il primo Solco, con ilquale diſegnauano il Circuito de le Mura, ſtando
la Vacca da lo lato di dentro, & il Bue da lo lato di fuora. I uecchi Padri, che
douieno habitare la Terra, ſeguitauano lo Aratro, & rimetteuano nel feſſo
Solco, le ſmoſſe, & ſparſe zolle, & raſſetandouele dentro, acciò non ſe ne ſpargeſ-
ſe alcuna; quando arriuauano a luoghi de le porte, ſoſteneuano lo aratolo
con le mani: Accioche la ſoglia de le porte rimaneſſe ſalda, & perciò diceua-
no che eccetto le porte, tutto il cerchio, & tutta l'opera era coſa ſacra, & non
era lecito chiamare le porte ſacre. A tempi di Romulo, dice Dioniſio Alicar-
naſeo, che i P @dri antichi, nel principiare le Città, erano ſoliti, fatto il ſacrificio
di accendere il fuoco inanzi a loro Allogiamenti. Et per eſſo far paſſare il Po-
polo, accioche nel paſſare per le fiamme, gli huomini ſi purifica sino, & ſi pur-

Waiting...

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzerin, sehr geehrter Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.

powered by Goobi viewer