Full text: Branca, Giovanni: Le machine

6. ALLI CORTESI,
ET CANDIDI LETTORI.

0004-01

E machine in tutti li ſecoli apportarono
grandiſsima commodità all’ operationi
humane, ſuperando con l’ingegno quelle
neceſsità, che s’incontrano tanto nell’edi-
ficationi ciuili, quanto nelle militari, la-
ſciando da parte per hor le machine ſe
mouenti, & altri, che apportano vtile, & curioſità. Mi ven-
gono alle mani queſte preſenti figure, tanto di acqua, quanto
di animale operationi, e ſpiritali, & da me dichiarati, nelle
quali vi ſon dentro tutti quelli principij, che Ariſtotile trat-
ta, & propone nelle ſue Mecaniche, con il fondamento de
quali potrà l’huomo in ogni tempo ſeruirſe, per inuentar ma-
chine, conforme alli biſogni, che ſe gli preſentaranno. Ne
deue alcuno ſmarrirſi, mẽtre ponerà in opera alcuna di que-
ſte machine, ſe non gli riuſciſſe l’operatione deſiderata; per-
che ſi deue auertire, le progreſſion delle potenze de motori,
e di peſi nelle loro variationi, riſpetto à gli accidenti, quali, e
con l’aria, e con l’acqua, & in altra maniera mutano quaſi
natura: e quindi è, che alle volte in picciola forma ſi opron
quaſi miracoli, che in forma grande, alcune volte ſi perde la
ſcherma, e però non è da marauigliarſi, perche il diffetto non
procede dalle Mecaniche, ne da ſuoi principij, ma ſolo dal-
l’operante, forſe non ben erudito, ò che non haurà inteſo, di-
ſcorſo, & communicato con perſone della profeſsione. Non
diſputerò per hora, ſe con il mezzo delle machine, ſi auanza
di tempo fatiga, o ſpeſa; ma dico ben, che con l’ingegno ſi

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer