Full text: Zanotti, Francesco Maria: Della forza de'corpi che chiamano viva libri tre

3. FRANCESCO TIBALDI
a quelli, nelle cui mani verrà
queſto libro.

E Gli ſuole aſſai ſpeſſo intervenire,
iettor corteſe, che alcuni mettanſi
a leggere un libro, e non ſapendo
quello, che da eſſo aſpettar debba-
no, aſpettin tutt’ altro da quello,
che poi ritrovano; di che condanna-
no il libro ſteſſo, e ſe ne dolgono; ne avverto-
no, che il libro non è mancato forſe all’ intendi-
mento, per cui fu ſcritto, ma ſolo a quello, per
cui eſſi lo hanno letto. Di che la colpa è bene
ſpeſſo degli autori, i quali dovrebbono nel princi-
pio delle loro opere dichiarare, e metter bene di-
nanzi agli occhi quello, che in eße aſpettar deb-
baſi; e non permettere, che gli altri le leggeſſero
a caſo, e ſi trovaſſero finalmente del loro ſtudio,
e della lor fatica ingannati. Il perchè avendo io
diliberato di dare alle ſtampe la preſente operet-
ta, non ſenza conſentimento del ſuo autore, con-
vengo avviſarvi di alcune coſe, acciocchè non er-
riate, e leggendola non dobbiate commettervi del
tutto alla fortuna. E prìmamente non ba già in-
teſo l’ autore, ſcrivendo queſto libretto, di promo-
vere la quiſtione della forza viva, et eſtender-

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer